14/09/2020 – CASA CATTOLICA CHIEDE LA REVOCA dell’aumento di capitale riservato a Generali a 5,55 Euro

COMUNICATO STAMPA del 14/09/2020

Solvency II al 154%, patrimonio netto per azione a 13,32 Euro, indagine giudiziaria in corso per “illecita influenza sull’assemblea”, divieto di concorrenza ai sensi dell’ art. 2527 Codice Civile.

CASA CATTOLICA CHIEDE LA REVOCA dell’aumento di capitale riservato a Generali a 5,55 Euro

La preoccupazione dei soci Cattolica per la seconda semestrale peggiore dal 2005. Persi in un anno 500 milioni di capitalizzazione.
Sono 16700 i soci (il 90% del totale) che possono esercitare il diritto di recesso a 5,47 Euro entro il 24 settembre.

Verona 14/09/2020

I risultati della semestrale al 30 giugno 2020, con un utile netto di gruppo di 10 milioni (– 83% rispetto al 1°semestre 2019), confermano la preoccupazione dei soci aderenti a CASA CATTOLICA, per l’attuale gestione della società.

Si tratta della seconda peggior semestrale dal 2005. Solo nel 2017 con la svalutazione della cospicua partecipazione nella fallita Banca Popolare di Vicenza, si erano avuti risultati peggiori.

Le ripercussioni del 1°semestre 2020 si sono riversate nel tempo anche nella quotazione di borsa. Cattolica, rispetto a 12 mesi fa ha perso quasi 500 milioni di capitalizzazione. Il titolo un anno fa valeva 7,97 Euro. Oggi, malgrado i rialzi degli ultimi giorni vale circa 5,20 Euro. Si tratta di 483 milioni di capitalizzazione persa, pari mediamente a 26.000 Euro per ognuno dei 18.600 della compagnia

Sono comunque due i dati importanti confermati dal bilancio al 30/06 e riportati sulla relazione di bilancio, che confermano che la società non deve essere svenduta sotto spoglie di un aumento di capitale riservato a GENERALI:

1) A fine agosto l’indice Solvency II del Gruppo Cattolica era pari al 154%, ben distante dal quel valore di circa 100 punti di metà maggio che aveva indotto IVASS a chiedere urgentemente un aumento di capitale di 500 milioni. Ciò significa che la società, venuta mena la causa dell’urgenza, deve rinegoziare le tempistiche di sottoscrizione con l’Ivass e trovare partnership di sviluppo industriale alternative ad una vera e propria svendita;

2) Il patrimonio netto consolidato della società al 30/06 è di 2.322 milioni. In considerazione del numero delle azioni della società, pari a 174.293.926, si tratta di un valore per azione di 13,32 euro. Un valore importante. Molto distante da 5,55 Euro dell’aumento di capitale offerti da Generali.

Venendo meno i gravi motivi di urgenza finanziaria decretati da IVASS, CASA CATTOLICA chiede al CDA di non dare seguito all’aumento di capitale riservato a Generali al prezzo di 5,55 euro per azione che porterà alla cessione del controllo effettivo alla compagnia triestina per un controvalore irrisorio.

La richiesta di revocare l’aumento di capitale viene chiesto anche in considerazione dell’indagine giudiziaria in corso che coinvolge 11 esponenti della società per “illecita influenza sull’assemblea” e dalla lettera inviata dai soci alla Compagnia lo scorso 4 settembre per l’osservanza dell’articolo 2527 del codice civile che vieta l’ingresso di competitor nella cooperativa prima del 1 aprile 2021

DIRITTO DI RECESSO A 5,47 EURO ENTRO IL 24 SETTEMBRE. I SOCI NE SONO STATI ADEGUATAMENTE INFORMATI?

Nel frattempo fa scalpore che la società abbia indicato senza una preventiva e adeguata comunicazione ai soci, il giorno 24 settembre come giorno ultimo per esercitare il diritto di recesso limitandosi a darne comunicazione sul sito web (nella sezione governance) e sul quotidiano MF – Milano Finanza, evitando di darne comunicazione sui giornali locali o con lettera, inviata già tante volte nel passato ai soci.

Sono circa 16.700 i soci (quasi il 90% del totale) che hanno diritto all’esercizio del diritto di recesso a 5.47 EURO entro il prossimo 24 settembre.

Per questo, nel rispetto delle elementari regole di trasparenza di una società cooperativa, CASA CATTOLICA pubblicherà a breve una informativa e aprirà un punto informazioni per mettere a conoscenza migliaia di soci di questo loro importante diritto.

Come previsto dall’assemblea straordinaria del 31 luglio, l’efficacia della trasformazione in SPA della compagnia è soggetta alla condizione che il numero delle azioni oggetto dell’esercizio del diritto di recesso non superi il limite del 20%.

CASA CATTOLICA – INSIEME PER CATTOLICA ASSICURAZIONI

press@casacattolica.it

Presso Fondazione Toniolo – Via Seminario 8 Verona – Cell 380 1934376